Skip to content

l’ossessione del PdL

26 aprile 2011

«Una fascista che trasforma una festa nazionale in un comizio di Sinistra Ecologia e Libertà». Così il capogruppo del PDL gallaratese ha definito  la giovane oratrice dell’ANPI.

La crescita del consenso verso Sinistra Ecologia Libertà deve molto preoccupare il PdL e il suo capogruppo in consiglio comunale. Tanto che è diventata per lui un’ossessione che vede ovunque. Figurarsi il 25 aprile, festa della Liberazione, data che obtorto collo sopporta ma che cancellerebbe forse volentieri, insieme alla Carta Costituzionale e ai diritti di cittadinanza che essa afferma. Così quando la giovane relatrice dell’ANPI, che per inciso non è iscritta a SEL, cita i diversi articoli della Costituzione perde completamente la testa. E, come è nel suo “stile”, comincia a rilasciare farneticanti dichiarazioni alla stampa. Ci siamo abituati, ormai. Quando non si hanno contenuti da proporre, diventa il metodo più facile per avere un minimo di visibilità per la propria campagna elettorale. E la guerra per le preferenze nel PdL è iniziata.

Capisco che affrontare i temi della democrazia e della legalità, del diritto al lavoro e a un salario dignitoso, del diritto alla salute che significa anche vivere in un ambiente sano, dei diritti delle donne e della necessaria tutela della maternità o del diritto d’asilo, sia un arduo compito per il capogruppo del PdL. Sono temi che non è solito affrontare. Temi che, visto la reazione, probabilmente disprezza. Impegnato a parcheggiare auto di propaganda elettorale, non ha forse mai avuto tempo di leggere la Costituzione, di comprenderne e apprezzarne i contenuti, di riconoscerne il valore.

Così come non ha mai dovuto affrontare la difficoltà di cercare un lavoro e di vivere nella precarietà (lui che sta in un partito che il lavoro te lo dà per nomina politica, al di là del merito e della preparazione). O di fare la coda in una struttura sanitaria pubblica. E, quando l’inquinamento dell’aria supera i livelli di allarme, probabilmente ha la possibilità di andare in montagna o al mare.

C’è però chi, e sono molti, il lavoro se lo deve cercare, per necessità deve accettare contratti precari, deve fare la fila per un’analisi del sangue, deve fare i conti alla fine del mese per riuscire a pagare il mutuo. Chi deve riuscire a mantenersi il lavoro e prendersi cura del figlio, pagare l’asilo nido, rinunciare alle vacanze. C’è chi paga le tasse ed è fiero di non essere un evasore, perché continua a considerare l’onestà una virtù. Chi ha letto la Costituzione, l’ha capita e apprezzata. Sa che è nata dal sacrificio e dal coraggio di tanti e tante. E continua a difenderla.

Chi lo fa non è necessariamente di Sinistra Ecologia Libertà, è semplicemente un uomo. E non sopporta i caporali.

Annunci
One Comment leave one →
  1. alessio permalink
    26 aprile 2011 09:13

    e non sopporta i caporali!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: