Vai al contenuto

E’ la politica dello struzzo a mettere in pericolo i posti di lavoro in AMSC

13 febbraio 2015

In questi 4 anni di cose in AMSC ne sono cambiate parecchie. Innanzitutto l’eliminazione delle varie scatole cinesi che avevano il solo scopo di moltiplicare numero e soldi per gli amministratori.

Poi, non meno importante, la scelta di procedere agli affidamenti dei lavori con procedure pubbliche, scelta che ha finalmente portato in azienda un po’ di trasparenza e fatto risparmiare non pochi euro.

La situazione economica è molto migliorata, ma ciononostante la società continua a perdere. Le leggi sono diventate più severe e la possibilità di un intervento dell’ente è sempre più ridotta (di questi giorni l’ennesimo intervento sul tema della Corte dei Conti all’inaugurazione dell’anno giudiziario della magistratura contabile).

Possiamo fare finta di niente. Lasciare che il debito cresca e soprattutto non tenere conto degli obblighi di legge che nei prossimi anni cambieranno, volenti o nolenti, i servizi dell’acqua con l’ATO, del gas con l’ATEM, dei trasporti pubblici per i quali non si potrà più procedere ad affidamento diretto.

Certo possiamo. Qualcuno penserà anche che, prossimi a una campagna elettorale, sarebbe più conveniente rimandare.

A farne le spese sarebbero però i cittadini e i lavoratori.

I cittadini, perché stiamo parlando di servizi che incidono sulla qualità della vita.

I lavoratori perché, con la politica dello struzzo (che mette la testa sotto terra per non vedere i pericoli), a lasciare cioè le cose come stanno, si condannerebbe con certezza l’azienda alla chiusura.

L’amministrazione vuole invece procedere a degli accorpamenti, in alcuni casi obbligatori per legge. Si può discutere della bontà o meno di avere creato gli ATO (e noi crediamo che la Regione li avrebbe dovuti creare in modo diverso, seguendo non i confini delle province ma i bacini idrografici), ma non si può eludere l’obbligo.

E’ invece una scelta, da noi condivisa, quella di tentare di accorpare i servizi dei rifiuti con altre città. L’obiettivo è ottimizzare risorse e competenze. E’ evidente che l’efficacia nella raccolta dei rifiuti e della pulitura delle strade non è ottimale, mentre i costi restano elevati. Siamo convinti che sia un dovere provare a trovare una soluzione che migliori il servizio senza comportare un ulteriore aumento delle spese (che con la TARI si scaricano completamente sui cittadini). Certo la vicenda è legata ad ACCAM e all’incapacità di alcune amministrazioni di decidere (e non è il caso di Gallarate). SEL, impegnata da tempo per superare l’incenerimento dei rifiuti, per promuovere invece una fabbrica di materiali che sappia incrementare e dare valore ai rifiuti che finsicono nel secco ma che sono differenziabili, chiede 2 impegni all’amministrazione: che si parta, anche in modo sperimentale, con la tariffazione puntuale e che non si contribuisca economicamente al revamping di ACCAM. Se i soci di ACCAM sceglieranno di investire 40 milioni di euro per continuare a bruciare i rifiuti, non capiamo perché il nostro Comune che chiede di chiudere gli inceneritori, dovrebbe pagare una tariffa di conferimento più alta che altrove per sostenere il revamping che consideriamo dannoso dal punto di vista ambientale ed economico.

Per quanto riguarda piscina e farmacie, riteniamo che le proprietà debbano rimanere pubbliche. La piscina in modo evidente richiede però degli interventi strutturali (anche di risparmio energetico) che né AMSC né il Comune si possono oggi permettere. Anche mettendo in conto di riuscire a sopportare una perdita annuale di 700mila euro, la lasciamo cadere a pezzi finché diverrà inagibile? Non è forse più utile, per i lavoratori come per i cittadini, porsi finalmente il problema e cercare una possibile soluzione anche pensando ad una gestione esterna capace di fare gli investimenti necessari?

Tutto ciò significa chiudere AMSC e lasciare a casa i lavoratori e le lavoratrici?

A noi sembra proprio il contrario.

Cercare di mantenere i servizi, seppure in forme diverse, significa lavorare per gli interessi della città e degli stessi lavoratori. Dovranno magari cambiare il nome della società per cui lavorano, ma continueranno a lavorare e a prendere un salario. Magari anche a potere lavorare meglio e con più efficacia.

Lasciare tutto com’è produrrebbe invece certamente la chiusura della società e la cassa integrazione (finché c’è) dei lavoratori. E’ la politica dello struzzo a mettere in pericolo il mantenimento dei posti di lavoro.

SEL Gallarate

http://www.selgallarate.it

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Giuseppe permalink
    17 febbraio 2015 09:19

    Conosco bene la situazione delle farmacie Amsc , sono azienda in utile e che hanno tenuto a galla Amsc in questi anni.

    Impressionante come l’assessore Lovazzano e Sindaco nell’incontro con le RSU non si siano preoccupati minimamente del futuro lavorativo dei dipendenti delle farmacie
    la cui vendita comporterebbe sicuramente la perdita del posto di lavoro come è successo a Samarate. La rassicurazione è stata che i TFR sono garantiti.

    Mi chiedo come può una maggioranza di sinistra non considerare che 16 dipendenti di un settore in utile perdano il posto di lavoro con possibilità quasi zero di ricollocarsi in altri posti.

    Non corrisponde a verità che ci sia un obbligo di legge di cedere la farmacie infatti la gran maggioranza dei comuni mantiene la proprietà pubblica.

    Più che una linea di sinistra mi sembra la linea di un partito fascista.

  2. 17 febbraio 2015 13:49

    è ben vero che non c’è l’obbligo di vendere le farmacie, tant’è che SEL chiede che restino pubbliche (gli obblighi di legge, come si legge sopra, ci sono nell’acqua, nel gas e ci saranno nel TPL). Le farmacie hanno un utile (inferiore alle farmacie private, ma pur sempre in utile) che però, mi permetta, non tengono affatto a galla AMSC se è vero, come è vero, che i debito della società resta alto e che fatica a pagare i propri stessi mutui. Personalmente, ma è un pensiero condiviso da SEL e non solo in maggioranza) credo che le farmacie comunali vadano rilanciate come presidio sociale e sanitario nei quartieri. Se gestita in quest’ottica, le farmacie possono aver un ruolo sociale importante e svolgere un ruolo di educazione alla salute. In questo caso io sarei ben disposta a rinunciare a un po’ di guadagno (rispetto ai guadagni che fa il privato) in cambio di un’azione utile al benessere dei cittadini. Sono convinta che si possono avere farmacie pubbliche, con una funzione sociale che oggi non hanno, anche senza che queste stiano in AMSC (i cui costi di gestione vengono ridistribuiti su tutte le attività, anche le farmacie, tant’è che nei bilanci abbiamo spesso visto anche per loro un segno -) e che si possa in questo modo salvaguardare i lavoratori (di cui uno andrà presto – buon per lui- in pensione) e anzi valorizzare le loro competenze (o formarle là dove fossero da acquisire).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: