Vai al contenuto

L’area MAB del Parco del Ticino si amplia

15 ottobre 2015

Eravamo nell’anno 2002 quando la Valle del Ticino fu riconosciuta Riserva della Biosfera MAB per una superficie di 97.200 ettari.

Il Programma MAB (Man and the Biosphere), avviato dall’UNESCO negli anni ’70 con l’obiettivo di migliorare il rapporto uomo/ambiente e ridurre la perdita di biodiversità, prevede che ogni 10 anni si sottoponga a “revisione” la Riserva, per accertare che siano ancora presenti i requisiti. Quindi nel 2012 è iniziata la procedura perché l’UNESCO continuasse a considerare la nostra brughiera area da tutelare. Preoccupazione ce ne sono state tante: l’aeroporto di Malpensa e le tante strade di collegamento hanno comportato notevoli cambiamenti ambientali, incidendo negativamente sulla qualità della biodiversità.

Il 17 giugno 2014 è stato però comunicato che la Riserva della Biosfera “Valle del Ticino” veniva considerata come pienamente soddisfacente i requisiti della Rete Mondiale del Programma MAB/Unesco.

Un bel risultato, anche a tutela futura del territorio da chi continua a pensare alla costruzione della terza pista aeroportuale a danno dell’ecosistema e della salute. Un bel risultato che rafforza la richiesta di riconoscimento di area SIC delle “Brughiere di Malpensa”, che il Parco ha fatto già nel 2011, richiesta su cui Regione Lombardia continua a non decidere e che pure il Governo tuttora continua a ignorare.

Nell’ambito della procedura di revisione periodica, si è voluto ampliare la Riserva della Biosfera “Valle del Ticino”, andando ad includere i comuni appartenenti al Parco del Ticino piemontese e una ventina di comuni limitrofi. Attualmente la Riserva ha raggiunto superficie di quasi 150.000 ettari, di cui circa 14.000 classificati come core area, 33.000 come buffer zones e oltre 100.000 come area transition.

Tale azzonamento risponde ai criteri di classificazione previsti dal programma MAB che suddivide le Riserve in tre zone: core areas, cioè zone centrali nelle quali l’obiettivo principale è la conservazione degli ecosistemi; buffer areas, zone cuscinetto che rafforzano l’azione protettiva delle vicine zone centrali, transition areas, zone di transizione dove si svolgono attività economiche e dove sono presenti insediamenti abitativi, industriali, attività agricole.

I Comuni inclusi nell’area di Riserva sono attualmente 85.

Per la parte lombarda: Abbiategrasso, Arsago Seprio, Bereguardo, Bernate Ticino, Besate, Besnate, Boffalora Ticino, Borgo S.Siro, Buscate, Carbonara Ticino, Cardano al Campo, Casorate Sempione, Cassinetta di Lugagnano, Cassolnovo, Castano Primo, Cuggiono, Ferno, Gallarate, Gambolò, Garlasco, Golasecca, Groppello Cairoli, Linarolo, Lonate Pozzolo, Magenta, Mezzanino, Morimondo, Motta Visconti, Nosate, Ozzero, Pavia, Robecchetto, Robecco S/Naviglio, Samarate, S.Martino Siccomario, Sesto Calende, Somma Lombardo, Torre d’Isola, Travacò Siccomario, Turbigo, Valle Salimbene, Vanzaghello, Vergiate, Vigevano, Villanova d’Ardenghi, Vizzola Ticino, Zerbolò.

Per la parte piemontese: Agrate Conturbia, Arona, Baveno, Bellinzago Novarese, Boca, Borgomanero, Bogogno, Borgo Ticino, Briona, Cameri, Castelletto Ticino, Cavaglietto, Cavallirio, Cerano, Comignago, Cressa, Divignano, Dormelletto, Fara Novarese, Galliate, Gattico, Ghemme, Gravellona Toce, Grignasco, Maggiora, Mezzomerico, Oleggio, Oleggio Castello, Pombia, Prato Sesia, Romagnano Sesia, Romentino, Sizzano, Trecate, Varallo Pombia, Verbania (solo territorio di Fondo Toce), Veruno.

A fine 2013 l’ente parco lombardo e quello piemontese hanno deciso di coordinarsi e di trovare la via per gestire la Riserva in modo uniforme e congiunto. E finalmente il percorso è iniziato lo scorso 25 settembre, giorno in cui si è tenuta la prima Assemblea Consultiva di tutti i comuni, che ha avviato il percorso perché insieme si difenda il Ticino e la sua valle per restituirlo ai suoi abitanti, uomini, donne, animali. E già si lavora per un Riserva transfrontaliera che coinvolga la Svizzera, fino alle origini del fiume Ticino.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: