Skip to content

Potature e nuovi alberi

1 febbraio 2016

marinai d'italia

Poco più di 61.000 euro destinati alla “manutenzione delle piante”, ovvero alla loro potatura. Anche quest’anno l’amministrazione comunale compie un importante investimento sugli alberi e sul loro mantenimento.

Le potature non sono un’attività particolarmente visibile, che paga in termini di comunicazione. E costano molto (gli alberi grandi richiedono l’utilizzo di apparecchiature che assicurino sicurezza agli addetti). Ma anche quest’anno abbiamo deciso di investirci, con una cifra simile a quella dell’anno scorso. Sindrome di Tafazzi? No. Semplicemente fare quello che é necessario fare per l’ambiente, anche se non appariscente.

Potare le piante è un passo necessario per il loro mantenimento. A lasciarle crescere, finisce che crescono troppo in altezza mentre non si estendono altrettanto le radici (che nel cemento non possono svilupparsi adeguatamente). Finisce dunque che gli alberi si ammalano, diventano instabili e pericolanti e poi tocca tagliarli. Se si vogliono mantenere, occorre investire nella potatura.

Così da alcune settimane sono partiti i “lavori” che continueranno fino a fine marzo un po’ in tutti i quartieri.

Ci saranno interventi in alcune scuole (la materna di via dei Mille e di via delle Rose, un significativo intervento alle elementari di Crenna dove si interverrà su 25 alberi di altezza media, alle elementari dei Ronchi e di Cajello, in via Tenca dove sono 20 gli alberi da potare – 1 verrà invece abbattuto-, le medie di Cedrate e Madonna in Campagna).

Di rilievo anche l’intervento su 30 alberi di altezza media al nido Villoresi.

Poi naturalmente i viali e le piante sulle strade: in via Renzo Colombo (20 alberi da potare e 30 siepi di lauro da impiantare), in viale dei Tigli (dove 3 alberi saranno abbattuti e ripiantumati), via Capponi, i 3 grandi pioppi al cimitero di Cedrate, in via Leonardo da Vinci dove sono ben 56 le potature da fare, in via Mazzini, via Monteleone, via Nenni, i 9 platani di via Schiapparelli e i platani della laterale di via Torino, le 30 piante di viale XXIV Maggio per liberare i punti luce e rendere più sicuro l’attraversamento pedonale.

5 piante di altezza elevate saranno potate anche in piazza Risorgimento.

Quindi i parchi di via Bottini, via delle Rose, via Generale Dalla Chiesa, via Maino, via Mameli/XXIV Maggio con i suoi 15 alberi da potare – e togliere il cipresso morto-, via Puglia.

Interventi previsti anche nel parco di Villa Calderara su 8 alberi di altezza elevata.

Gli interventi prevedranno anche l’abbattimento di 21 alberi, morti o in condizioni di salute non curabili che li rendono pericolanti. A primavera saranno però 34 le nuove piantumazioni (in viale dei Tigli, in via Fogazzaro, una magnolia alla materna di via Pradisera, 18 impianti in via Vittorio Veneto e 11 in via Beccaria/via 25 aprile). Che si aggiungono alle piantumazioni effettuate a fine 2015 con la riqualificazione dei parchi: oltre 75 nuovi alberi. L’intervento più importante al parco Marinai d’Italia.

bassetti

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: